Agile: approccio iterativo alla gestione dei progetti che enfatizza la flessibilità, la collaborazione del team, e la capacità di adattarsi rapidamente ai cambiamenti. Agile si concentra sulla consegna di piccoli incrementi di valore, permettendo un feedback continuo e miglioramenti iterativi. Ideale da applicare o all’interno o anche con una consulenza esterna.

Baseline: rappresenta il punto di riferimento iniziale di un progetto. Include la definizione dello scopo, i costi, la tempistica e le specifiche di qualità. La baseline è essenziale per monitorare i progressi e gestire le variazioni.

Change Management: Il processo di gestione dei cambiamenti all’interno di un progetto. Include l’identificazione, l’analisi e l’approvazione delle modifiche. È fondamentale per garantire che i cambiamenti siano implementati in modo efficace e controllato.

Diagramma di Gantt: strumento visivo per pianificare e programmare le attività di un progetto. Mostra la durata delle attività, le loro relazioni e la sovrapposizione temporale. È essenziale per la gestione del tempo e delle risorse.

Earned Value Management (EVM): una metodologia che combina misure di costo, programma e portata per valutare le prestazioni del progetto. EVM aiuta a prevedere le tendenze di performance e a prendere decisioni informate.

Fallback Plan: piano di emergenza che entra in gioco se il piano principale fallisce. È cruciale per la gestione dei rischi e garantisce che ci siano alternative praticabili in caso di problemi imprevisti.

Gestione dei Gruppi di Lavoro: la capacità di coordinare e motivare i team di progetto. Include la comunicazione efficace, la risoluzione dei conflitti e la promozione di un ambiente di lavoro collaborativo.

Hierarchical Breakdown Structure (HBS): la scomposizione gerarchica delle attività di un progetto. Aiuta a organizzare e definire il lavoro in componenti più piccoli e gestibili, facilitando la pianificazione e l’assegnazione delle risorse.

Iterative Process: processo in cui il progetto viene sviluppato attraverso cicli ripetuti. Ogni ciclo include pianificazione, esecuzione e valutazione, permettendo miglioramenti continui e adattamenti alle esigenze in evoluzione.

Just-in-Time (JIT): metodo di gestione delle scorte che mira a ridurre i tempi di attesa, i costi di magazzino e i rifiuti, fornendo materiali solo quando sono necessari. È fondamentale per ottimizzare l’efficienza e ridurre i costi.

Key Performance Indicators (KPI): metriche utilizzate per valutare il successo di un progetto. I KPI aiutano a monitorare i progressi verso gli obiettivi specifici e sono essenziali per la valutazione delle prestazioni del progetto. Nella consulenza project management indica bene gli stadi di avanzamento per obiettivi.

Lean Management: approccio alla gestione che si concentra sulla riduzione degli sprechi e sull’ottimizzazione dei processi. Lean promuove l’efficienza, migliorando la qualità e riducendo i costi.

Monte Carlo Simulation: tecnica di analisi dei rischi che utilizza la simulazione per prevedere l’impatto delle variabili incerte su un progetto. È utile per la valutazione dei rischi e la pianificazione delle contingenze.

Net Present Value (NPV): metodo per valutare la redditività di un progetto. Calcola la differenza tra il valore attuale dei flussi di cassa in entrata e in uscita. È fondamentale per le decisioni di investimento.

Organizational Project Management (OPM): approccio strategico che integra la gestione di progetti, programmi e portafogli per raggiungere gli obiettivi organizzativi. OPM allinea i progetti con la strategia aziendale.

Project Charter: documento che definisce formalmente un progetto. Include obiettivi, portata, risorse e responsabilità principali. È il punto di partenza per ogni progetto ben gestito.

Quality Management: processo di garantire che i risultati del progetto soddisfino gli standard di qualità richiesti. Include la pianificazione della qualità, l’assicurazione della qualità e il controllo della qualità.

Risk Management: identificazione, analisi e mitigazione dei rischi in un progetto. È essenziale per prevenire problemi e garantire il successo del progetto.

Stakeholder Analysis: identificazione e analisi degli interessi e delle influenze degli stakeholder su un progetto. È fondamentale per la gestione delle aspettative e la comunicazione efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© All Rights Reserved. Castro & Partners. P. IVA 02325360515 / PRINCE2®, MSP®, P3O®, ITIL®, M_o_R®, MoV®, P3M3®, PRINCE Agile® and MoP® are registered trademarks of AXELOS Limited. PMBoK® and PMP® is owned by the Project Management Institute.
Scarica ora la brochure!

Scopri come ottenere il massimo dal tuo dipartimento IT e trasformare il tuo business in soli quattro mesi. 

Scarica ora la brochure!

Scopri come ottenere il massimo dal tuo dipartimento IT e trasformare il tuo business in soli quattro mesi.